Installare serratura europea con detrazione fiscale del 50%

redditiMettersi al sicuro dai ladri è diventato un dovere veramente urgente, il prezzo di una loro visita vi assicuro è molto salato, ma d’altronde affrontare la spesa della conversione della porta d’ingresso da doppia mappa a cilindro europeo e defender non è spesa da poco, specialmente se si decide di far eseguire l’operazione con i materiali più sicuri . Ma da oggi “ci viene in soccorso” il ministero delle entrate. Si! Perché il governo con la nuova manovra economica ha esteso la vecchia detrazione per ristrutturazioni del 36%. La nuova operazione con il decreto legge 83/12 ha inglobato le serrature e gli strumenti atti alla messa in sicurezza degli appartamenti.

Con la vecchia legge era possibile chiedere detrazione del 36% solo per le ristrutturazioni edilizie con procedure macchinose e non prima di aver inviato raccomandata all’ASL per la denuncia di inizio lavori. Fino a giugno 2013 la detrazione è stata alzata alla soglia del 50% del costo sostenuto. Basterà far eseguire il lavoro richiedendo all’azienda regolare fattura, si usufruirà inoltre dell’applicazione dell’IVA agevolata al 10%. Il pagamento  dovrà avvenire mediante  bonifico bancario (per la corretta tracciabilità dell’operazione), in sede di dichiarazione dei redditi si allegheranno fattura, copia del bonifico di pagamento e ricevuta di pagamento dell’IMU. Ecco fatto, la detrazione sarà però spalmata su 10 anni. Maggiori dettagli li potrete trovare all’indirizzo: (http://www.agenziaentrate.gov.it/...)

A questo punto non avete più scuse per non chiamarci.

Share

Comments

  1. ho acquistato e sostituito da me medesimo il cilindretto europeo in sostituzione della vecchia serratura a doppia mappa. Ho chiesto al venditore, al fine di ottenere la detrazione fiscale del 50% in dieci anni, come previsto dalla attuale normativa, regolare fattura da pagare mediante bonifico bancario. Oltre ad avermi calcolato l’iva al 22% in quanto non ho una concessione edilizia né una DIA, ho trovato difficoltà anche in banca per eseguire il bonifico perché nel modulo prestampato è previsto solo ristrutturazione edilizia e/o risparmio energetico. Alla luce di quanto sopra, nel mio caso,posso usufruire della agevolazione fiscale senza DIA o ristrutturazione edilizia. Grazie Nino

    • Salve, partendo dal presupposto che non abbiamo particolari conoscenze in ambito fiscale. Quel che le posso dire è che l’iva al 10% è applicabile solo se è stato venduto un bene accompagnato da manodopera di posa e che quest’ultima sia economicamente più pesante del bene stesso. Venendo a mancare il fattore essenziale e cioè la manodopera di posa, presumo non sia possibile scaricare la fattura.
      Se il suo obiettivo oltre a quello di risparmiare era anche quello di avvalersi della detrazione, non ha fatto un grande affare.
      È sempre bene farsi consigliare e affidare il lavoro a un serraturiere professionista possibilmente iscritto all’ERSI, ricevendo servizio chiavi in mano, regolare fattura “realmente detraibile”, e non per ultima, garanzia del lavoro.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: